CERTIFICATO CASELLARIO GIUDIZIALE E CARICHI PENDENTI: DIFFERENZE

CERTIFICATO CASELLARIO GIUDIZIALE E CARICHI PENDENTI: DIFFERENZE
argomento: carichi pendenti e casellario

Condividi questo articolo

Più volte ci siamo soffermati a parlare del certificato casellario giudiziale e carichi pendenti. Abbiamo analizzato le caratteristiche, gli usi e le tipologie. Ma quali sono le differenze tra questi due documenti?

CARICHI PENDENTI E CASELLARIO GIUDIZIALE A CONFRONTO

Partiamo con il dire che entrambi i certificati sono rilasciati in bollo (16 euro più 3,87 euro di diritti di certificato) dall’ ufficio del Casellario Giudiziale presso la Procura della Repubblica. Sono validi ad uso legale e hanno una durata pari a sei mesi.

Il Certificato dei carichi pendenti deve essere richiesto quando il procedimento è ancora pendente, cioè quando si è ancora nella fase delle indagini o in quella del processo.

Il Certificato del Casellario giudiziale riporta, invece, le condanne penali definitive e alcuni provvedimenti in materia civile e amministrativa a carico di un soggetto.

COME SI OTTENGONO I CERTIFICATI

Grazie al servizio di Infocertificati fare richiesta è molto semplice. Infatti, una volta entrati sul portale, basterà compilare l’apposito modulo con i dati necessari. Ti serviranno:

  • nome;
  • cognome;
  • codice fiscale.

Una volta compilato il modulo, ti verrà richiesto di allegare fotocopia dei tuoi documenti (carta di identità e codice fiscale) e la delega firmata (puoi scaricare e stampare la delega direttamente dal sito. In alternativa ti verrà inviata successivamente dal nostro personale via email e potrai firmala comodamente in digitale dal tuo pc o smartphone). La delega ci autorizza a fare richiesta, nonché, a ritirare il documento al posto tuo.

CHI PUO’ PRESENTARE RICHIESTA

Tali certificati possono essere, quindi, richiesti:

  • dall’interessato;
  • dalle pubbliche amministrazioni o dai gestori di pubblici servizi;
  • dall’autorità giudiziaria penale.

I Certificati Tribunale, come previsto dall‘art. 15, c. 1, della legge 183/2011, quelli rilasciati all’interessato non possono essere prodotti agli organi della pubblica amministrazione o ai gestori di pubblici servizi. In questo caso, infatti, sarà necessaria una dichiarazione sostitutiva.

Leggi di più

Tirocini presso il parlamento europeo
News

TIROCINI PRESSO IL PARLAMENTO EUROPEO

Ti piacerebbe fare un’esperienza lavorativa che arricchirà la tua formazione professionale? Il Parlamento Europeo apre le sue porte con due diversi tipi di tirocini: Scopriamo

Hai bisogno di aiuto?

Chiedi a noi di Infocertificati. Siamo qui per aiutarti!

traduttrice legale di documenti del tribunale e certificati anagrafici

Alcuni dei nostri servizi

Certificati e Traduzioni via email